Update

Eccomi un'altra volta in partenza… domani si torna a Tunisi e invece di occupare il mio tempo (scarso e prezioso) con la complessa attività del confezionamento bagaglio, son qui a preoccuparmi per i miei lettori, e per la mia latitanza dal blog da una settimana buona.
Intanto,  un rapido aggiornamento sulle vicende dell’Infanta, giacchè è già da un po’ che non vi narro le sue avventure: per esempio, la scorsa settimana è andata in gita, partenza ore 7.15 davanti alla scuola.
Infanta: ‘..devo controllare a che ora passa il bus.
Mater: ‘ma Infanta!  Ma ti porto io, che devi partire presto presto!’
Infanta ‘… … … (silenzio greve e imbarazzato) …Grazie Mater, ma preferirei andare col bus…
 
Come madre, evidentemente, non sono sufficientemente affidabile, specialmente per ciò che riguarda la puntualità:  però le ho comprato un ombrello, memore della gita di tre anni fa, le ho confezionato panini con le mie mani amorevoli (non col pan carré) e mi sono assicurata che conoscesse le regole del Gioco della Bottiglia. Poi le ho augurato buon viaggio, e via!    
 
Per quel che riguarda me, invece, son qui che mi arrovello, mani alle tempie, su cosa mettere in valigia:  l’ultima volta che mi sono recata in gita aziendale nel settentrione del continente africano mi sembrava facesse un caaaaaaaaldo pazzesco: io giravo sbracciata, coi sandali e la crema solare protezione 50 sulla faccia. Le cartaginesi, invece, coi collant, gli stivali, il soprabito pesante, col collo di pelliccia, il colbacco e i guanti…
Insomma: facevo una po’ la figura che fanno gli olandesi che vengono da noi a marzo, con i bermuda al ginocchio, i sandali , il cappellino con la tesa e gli occhiali da sole.  Mentre noi lombardi, a nostra volta, indossiamo ancora il montone, il pile, i moon boot e via discorrendo.
Adesso mi giunge notizia dai partner locali che lì è arrivata l’estate: ‘fa caldo’, mi hanno detto.
Mi aspetto quindi che le stesse cartaginesi di cui sopra abbiano portato a termine l’onerosa attività del cambio-armadi, e sfoggino finalmente abitini leggeri, sabot e infradito.
Quindi, se tanto mi da tanto.. io.. cosa mi metto??  Esco direttamente in bikini??
Son problemi mica da ridere… c’è da non dormirci la notte….

3 thoughts on “Update

  1. scusa nè! ma vai da quella alta 1,80, strafiga,  di 25 anni senza un filo di cellulite??

    Chiedi a lei no!!

  2. Urca. Ti ho punto nel vivo con la storia del pan carre. Ma tu non devi farci caso, io sono la classica che predica male e razzola peggio. E poi ti sei pienamente riscattata insegnandole il giuoco della bottiglia!
    P.s ti segnalo un blog molto divertente che ho scoperto da poco e so che appreZerai. Si chiama “sto bloggata con la schiena”
    baci
    clear sloggata a una gaviglia

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *