Sento suon di campanelli….

 ‘Cosa facciamo da mangiare a Natale?’
 

Ecco, quando la NonnaSprint (genitrice di Barbie) pone questa domanda significa che il Natale è alle porte. È lì, che incombe. Ansia a manetta.
 
(fra parentesi: ogni anno mi ripropongo di acquistare tutti i doni entro e non oltre il 15 agosto, ma poi – va a sapere perché – non ce la faccio. Tant’è che oggi è il 16 novembre, e io di regali ho comprato solo 4 kefia  (a Madrid) per le amichette dell’Infanta … dov’è che le ho messe?? le ho riposte dicendo ‘le metto qui, così mi ricordo’… sicuro saltano fuori verso il 12 gennaio, quando ormai è passata anche l’Epifania. Impossibile riciclarle per il natale 2010 perché: a) passeranno di moda  b) le riperdo sicuro. Andrà a finire che le cucio insieme, e ci faccio un bel copridivano… a proposito: dov’è che ho messo la macchina da cucire???…)
 
Comunque: in vista del Natale la NonnaSprint butta lì la fatidica questione.
 
La Sorella di Barbie propone: sentite, non meniamocela troppo.
Siamo la metà di mille (*) Confezioniamo piatti raffinati ma semplici. Stoviglie graziose ma di facile maneggio. Non troppi antipasti, che scionfano.

Il che, tradotto in lingua corrente, significa:  antipasti: un etto emmmezzo di crudo, si quello in offerta va bene. Di primo pasta al burro. Secondo la simmenthal. Piatti e bicchieri di plastica. Alle due e venti è tutto finito. 

(*) su chi partecipa al Pranzone di Natale torniamo un’altra volta)
 
Barbie ribatte: ma insomma! E’ Natale! Un minimo sindacale di festa, via!
Il che, tradotto in lingua corrente, invece significa:  18 antipasti diversi, inclusa l’aragosta e una dozzina di capesante a commensale. Di primo trionfo di agnolotti in brodo, lasagne reali, risotto al Castelmagno, polenta taragna.
Secondi di carne, di pesce e anche vegani che non si sa mai. Acquisto su Internet del volatile pluriripieno citato nel post sul delegato inglese – andatevelo a cercare che non riesco a mettere il link – , noleggio, o magari anche acquisto, se c’è ancora la tratta degli schiavi, di due maggiordomi inglesi che servono a tavola in alta livrea e parrucca bianca riccioluta e cipriata. Panettone artigianale fatto a mano da 25 kg. ricoperto di fondente Valrhona e decorato in foglia d’oro.  Un albero di noci per la frutta secca di fine pasto. Un torrone lungo abbastanza da collegare Cremona a Pavia. Vini direttamente dalla Borgnogna, Valle del Reno, Napa Valley e South Africa.   Champagne come se piovesse.  Stovigliame importato appositamente dalla reggia di Versailles. Tavola apparecchiata secondo il Cerimoniale di Corte Borbonico. Preziose tovaglie di Fiandra con tovaglioli coordinati. Ai muri antichi arazzi fiamminghi. Ai lati della sala da pranzo armature medievali, comprensive di cavalli bardati per la Giostra del Saracino.
Un gran pavese di bandierine nella via dove risiedo. Giardino sfarzosamente illuminato a festa, con slitte, babbi natali, elfi, renne e fatine. 40 cm di neve (eventualmente anche finta) Gesù bambino in persona, con bue, asinello e tutto. Fuochi d’artificio per tutta la durata del pranzo (8 ore minimo). Caffè e ammazzacaffè. Pennica collettiva su chaises longues di Le Courbusier (una per ciascuno).
 
La NonnaSprint commenta laconica: decidetevoipermeèlostesso
bastachemiditecosadevopreparare
manounacosadifficilechenonsonocapace 
 
E ci lascia lì, in balia di noi stesse e delle nostre idee,  a massacrarci a colpi di ‘.. ma cazzo! 4 capesante di merda non vuoi comprarle?? ‘  ‘evaffanculo, te e le capesante! Poi si avanza tutto!’  ‘ma smettilaaaaa!! Che poi puoi usare i gusci per fare i posacenere!!’  ‘MA SE NON FUMO DA TRE ANNIIIIIII !!’
 
Il tutto alla faccia dello spirito natalizio….

Nefandezze perpetrate ai danni dell’Infanta

–      Cena con amici. L’Infanta degusta i pizzoccheri davanti alla tv (e già così basterebbe). Improvvisamente, distratta dal tubo catodico, il piatto rovina a terra, faccia in giù, e i pizzoccheri si spargono copiosi sul pavimento. Io, imperterrita, capovolgo il manufatto di maiolica, (fortunosamente integro) sul monticello di scoria pastifera, e con il tramite di una paletta, rivolto il tutto all’interno della stoviglia. Poscia, lo ripropongo all’Infanta che, come se niente fosse, prosegue il pasto. 
        
Testimoni oculari: il mio amico L. presente alla scena (che voleva dividere i suoi, di pizzoccheri, con la povera creatura… ‘mavà, mangia e taci’)
 
–      Gita scolastica 1.  21 marzo del 2006. ‘E’ Primavera!’ annuncio giuliva! E bardo l’Infanta con t-shirt a maniche corte, cappellino a tesa per il sole, scarpe ginniche di tela leggera e zainetto poohinesco con merenda. La consegno al pullmann e la saluto lieta con la mano. ‘Buon viaggio, Infanta!’ Peccato il termometro segni 7 gradi, il barometro ‘bufera’ e stia venendo giù un’acqua che dio la manda! ‘Ma un parapioggia??’ implora la Piccola Fiammiferaia… ‘GIAMMAI! – ruggisco perentoria – E’ Primavera, non necessita, son quattro gocce! E guai a te se mangi al coperto! Vedi di consumare il tuo pasto su un prato fiorito!!’
 
Testimoni oculari: la mia amica E., che ancora adesso ogni tanto racconta la storia lacrimando come se avesse la congiuntivite allergica
 
–      Gita scolastica2: (non quella di prima…un’altra) il pullmann rientra  alla base con mezz’ora di anticipo sull’orario previsto. Io arrivo a prelevare l’Infanta con mezz’ora di ritardo sull’orario previsto (‘.. tanto fanno sempre tardi.. un Negroni, grazie!) Al mio arrivo, davanti alla scuola elementare: l’Infanta, le 4 maestre e la bambina rom…
 
Testimoni oculari: le 4 maestre, la bambina rom, il Re degli Zingari
 
 
Ma come mai, secondo voi, nonostante io sia evidentemente una madre degenere e sciagurata – avrei altri esempi, ma quelli sopra mi sembrano sufficientemente significativi – io e l’Infanta andiamo d’amore e d’accordo, e lei è una giovinetta brava, educata, gentile e dabbene come neanche se ne trovano nel libro Cuore?
 
Aveva ragione Ferradini. ‘prendi un’Infanta, trattala male, lascia che ti aspetti per ore…’

 

Fatti molto salienti degli ultimi giorni

– l’Autunno è ufficialmente tra noi: stamattina in centro si è palesato il Venditore di Caldarroste, che ne sancise l’arrivo ufficiale. Egli è peraltro  lo stesso individuo, nomato Gigi, che stabilisce anche l’inizio della bella stagione – assai più del solstizio d’estate – tramite apposizione / rimozione all’Ape car di adesivo all’uopo dedicato (Gigi gelaté oppure  Gigi caldarroste). Alè, fuori gli stivali allora!

– è terminato il dentifricio: per un caso fortuito stasera c’è un Pigiama Party a casa nostra, e due amichette dell’Infanta passeranno la notte qui (in una specie di accampamento profughi allestito in soggiorno). Una delle due (alle orecchie della quale la nostra nomea non dev’essere sfuggita) se l’è portato. Bene, così ce lo presta!! Mi stupisco che non si sia portata anche la carta igienica (che sta finendo!!). Del resto oggi è passato a trovarci anche l’Ufficiale, che già che c’era ha pulito il bagno…

– è di ieri la novella che un’altra donna entrerà a far parte della Commissione Europea della Corrosione, una PhD del British Standard Institutes. MERDA. Questa è una che ne sa veramente. MERDA. Speriamo sia racchia, vecchia, malvestiva, antipatica, con l’alito da cane bagnato morto. MERDA. Speriamo abbia i baffi (magari più evidenti dei miei). MERDA. Speriamo che sia una sfrancicaminchia. Bè, ma per quanto mica potrà esserlo più di  me. MERDA. Speriamo che …che … che…MERDA. MERDA. MERDA.

– E last, but not least, la nostra compagine familiare sta per allargarsi a includere un nuovo elemento peloso e scodinzolante. Ma di questo parleremo la prossima volta.

Ozioso Agosto

tanto ozioso che riporto un post che ho trovato sul blog www.chenestatodivalentino.splinder.com e che ben si addice al mio weekend d’inizio agosto nonché alla mia natura di madre oziosa (esempio pratico: non ho ancora comprato il libro dei compiti delle vacanze all’Infanta….)

Dal Manifesto del Genitore Ozioso di Tom Hodgkinson:

° Rifiutiamo l’idea che fare i genitori richieda fatica.

° Promettiamo di lasciare i bambini in pace.

° Il che significa lasciare in pace anche noi.

° Rifiutiamo il consumismo rampante.

° Leggiamogli poesie e storie fantastiche senza morale.

° Beviamo alcolici senza senso di colpa.

° Riempiamo la casa di musiche e risate.

° Rimaniamo a letto quanto è possibile.

° Lavoriamo il meno possibile, soprattutto quando sono piccoli il tempo è più importante dei soldi.

° Un casino felice è sempre meglio di un ordine infelice.

° Abbasso la scuola.

 

Primo di agosto

Cosa si fa: si prende il sole fuori in giardino, bagnandosi sovente con la canna dell’acqua, si lavano i nani da giardino (presenti fra i cespugli in numero di 3: essi si chiamano Angolo, Mongolo, e Miagolo) che ne hanno tanto bisogno, si dà da mangiare all’animale domestico (Whisky Saetta), si scambiano due chiacchiere con la moglie del carabiniere al piano di sopra che stende il bucato

Cosa non si fa: non si esce e  non ci si muove troppo. Non si sta svegli.

Cosa non si dovrebbe fare (ma poi….): non si cerca di mettere il guinzaglio a Whisky(eh, Infanta??!!! ci siamo capite?) , e non si pota il glicine senza guanti da giardino (morde)

Cosa si mangia: guazzetto tiepido di polipetti su pane carasau

Cosa non si mangia: la polenta, per esempio.. o il brodo!

Io trovo che agosto  inviti  all’ozio e al pesce in maniera veramente inesorabile.

Polonia, 31 marzo 2009

1) Oggi in Polonia  c’è il sole, e il polacco medio (incluso il mio agente Piotr) dichiara ufficialmente arrivata la Primavera e si sente in DOVERE di accendere l’aria condizionata nell’auto. Peccato che fuori, col sole, ci siano 3 gradi, e il wind chill factor. Per ribadire il concetto in auto mette il cd delle 4 stagioni di Vivaldi.

2) in Polonia ci sono delle strade che somigliano in tutto e per tutto alle super strade, (spartitraffico, doppia corsia, divieto di inversione) ma hanno:

– i passaggi pedonali
– i semafori
– i ciclisti che ci viaggiano sopra (si, le biciclette sulla superstrada…)
– i cartelli che indicano ‘attenzione passaggio carretti trainati da quadrupedi’

3) in Polonia c’è tantissimi cervi che arrivano, ti guardano, e se ne vanno al galoppo come nei cartoni animati

4) in Polonia i cadaveri ai lati delle strade non sono delle nutrie, come da noi, ma dei cervi  (veri, no cartoni animati!)

5) in Polonia c’è dei menu con dei piatti che dalla descrizione sembrano buonissimi, ma poi, quando li vedi arrivare pensi ‘secondo me fa cagare’. Poi li mangi. Fanno cagare.

6) In Polonia fino a pochi anni fa c’era il comunismo. Ma di questo vi parlo domani.