I Blog e i Figli degil altri

Mi sono fatta un giro su altri blog di madri blogghiste.
Intanto, non trovate curioso che tante – ma tante!! – DONNE come PRIMA cosa si qualifichino come madri  e poi tutto il resto?… comunque, uno di questi blog, di cui non farò certamente  il nome perchè se noi poi andate a visitarlo e io voglio che visitiate solo IL MIO, DI BLOG,  pretende di raccogliere e pubblicare delle nefandezze terrificanti perpetrate ai danni di bambini che, se non fosse così smaccatamente evidente che sono false, ci sarebbe da chiamare il telefono azzurro e/o l’esorcista. Purtroppo, però, lo stile dei post, spacciati per veri inviati da una varieganza di madri anonime, è così spudoramente sempre uguale da lasciare il fortissimo sospetto che siano redatti da un’unica stilografica. Sono più farlocchi di una borsa di Prada pagata 15 euro. Ritengo, personalmente, che la probabilità che siano veramente inviati da persone diverse sia uguale o inferiore a quella che il 21 dicembre 2012 ci sia la fine del mondo. O che io possa perdere 6 chili nei prossimi tre mesi. O che la Rizzoli mi pubblichi il blog sotto forma di libro. Ma non esiste un’etica del blogghista?? Peccato, perchè se il blog fosse vero ci sarebbe da ridere.  Invece … è solo banale fantasia! E poi: fantasia per fantasia, io  saprei spararne di ben più grosse!!  Clear Cross  www.clearcross.splinder.com –  il suo, di blog, potete invece andare a visitarlo –  pure.  Ma spacciare per vero un post che racconta di una madre che ha menato la figlia davanti all’amichetta per farle imparare meglio la lezione … madai!! e allora? cosa c’è di strano? io lo faccio sempre…
 
Comunque: a mio personale parere peggio delle (finte) robe di quel blog lì ci sono solo certe robe (vere) che si vedono in giro e che mostrano il contrario… cioè che ci sono dei bambini che tiranneggiano perfidamente e hitlerianamente i genitori, senza che questi – peraltro – se ne avvedano minimamente:
 
Esempi pratici:  all’Esselunga
infante caragnante nel carrello ‘voiolepatatineeeeeeeee’
genitore ‘no’
infante caragnante nel carrello ‘voiolepatatineeeeeeeee’
genitore ‘NO. Le hai già mangiate ieri! Quando dico di no è NO! Ho detto NOOOO!’ 
(ripetere 6-7 volte)
Il duo arriva alla cassa, e sul nastro sfilano 7 pacchetti di patatine coi gormiti e due tubi Pringles gusto Onions & Sour
 
Esempi pratici: il centro commerciale
infante caragnante fuori dal carrello ‘guahahhhhh!!  voio … (e dice una roba)
genitore ‘piantala, se no andiamo a casa! Basta!! andiamo a casa? eh? EH???’
 
… TRE ORE DOPO….
 
infante caragnante fuori dal carrello ‘guahahhhhh!!  voio … (e dice una roba diversa da quella di prima)
genitore ‘Allora!! La smetti?? guarda che andiamo a casa! Basta!! andiamo a casa? eh? EH???’
 
(e cazzo!! e portacelo, a casa, sto cagaminchia di bambino!!)
Esempi pratici: in mezzo alla strada
infante caragnante sul marciapiede, per mano alla sua mamma ‘guahahhhhh!!  ‘ e tira una pedata nello stinco alla genitrice
genitrice (con aria di sfida)  ‘ah! bravo! Picchi la mamma?? dai, dai rifallo !! vediamo, se sei capace! prova! prova, se sei capace!!
infante  ‘guahahhhhh!!  ‘ e tira una seconda (poi una terza, poi una quarta) pedata nello stinco alla genitrice
genitrice ‘ah! ancora?? bravo, complimenti! PIcchi la mama?? eh? EH?? DAI , FALLO ANCORA SE SEI CAPACE !’
(ripetere finchè non esce il sangue dallo stinco e amputano la tibia alla mamma)
 
Esempi pratici: a casa, ore 23.35
genitore: su bambini, basta giocare col pc… a nanna!
infante caragnante sulla playstation ‘ghuaaaaaaa!! nooooo, voio fare ancora 7 partiteeeeee ‘
genitore: nonono, su ! SUBITO A NANNA! CAPITO! NON SI DISCUTE!
infante: ‘ghuaaaaaaa!! nooooo, voglio fare ancora 7 partiteeeeee ‘
genitore: nonono, su ! SUBITO HO DETTO SUBITO… Vabè, puoi farne ancora 3, di partite
infante: ‘nooooo, seeettteeeeeeeeee! 
genitore: MASSIMO QUATTRO!!’
infante: SEEEEEEEEEEEEEEEEETTTTTTTTTTTEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!
(ripetere, mercanteggiando tipo suk arabo,  fino alle ore 00.35)
 
Genitore la sera dopo a casa di amici: ‘si guarda, i miei vanno a letto tardissimo… non riesco mai a mandarli a letto primo dell’una … e poi si addormentano NEL LETTONE ‘
Tutte cose orrende viste dal vivo, coi questi occhi esterrefatti!!  E io credo che anche voi ne abbiate, di esempi ……
 
 


Ozioso Agosto

tanto ozioso che riporto un post che ho trovato sul blog www.chenestatodivalentino.splinder.com e che ben si addice al mio weekend d’inizio agosto nonché alla mia natura di madre oziosa (esempio pratico: non ho ancora comprato il libro dei compiti delle vacanze all’Infanta….)

Dal Manifesto del Genitore Ozioso di Tom Hodgkinson:

° Rifiutiamo l’idea che fare i genitori richieda fatica.

° Promettiamo di lasciare i bambini in pace.

° Il che significa lasciare in pace anche noi.

° Rifiutiamo il consumismo rampante.

° Leggiamogli poesie e storie fantastiche senza morale.

° Beviamo alcolici senza senso di colpa.

° Riempiamo la casa di musiche e risate.

° Rimaniamo a letto quanto è possibile.

° Lavoriamo il meno possibile, soprattutto quando sono piccoli il tempo è più importante dei soldi.

° Un casino felice è sempre meglio di un ordine infelice.

° Abbasso la scuola.