Raccolta differenziata

 

Non so voi, ma io provo una certa riluttanza nel gettar via le cose. Una specie di senso di repulsione mi prende quanto devo disfarmi di cose vetuste ed ormai inutilizzate.

Esempi pratici: i vestiti vecchi.

Ho lì delle robe anni 80, che bel periodo… pesavo 40 chili scarsi …, spalline di gommapiuma come se piovesse e guardandole penso, già col sacco nero dell’immondizia bello pronto in mano,  ‘mah.. magari un domani torna di moda’.  Ma speriamo di no, perdio!

Poi palpo la stoffa beige della gonnella a piegoni e medito: và che gabardèn! Roba così non ne fanno più.. cià aspetto ancora una stagione. Magari D&G l’anno prossimo rilancia il tartan, kilt lungo con lo spillone da balia e tutto.

E tengo lì.

O il montone beige che mettevo alle superiori: andavano abbondanti, mi va bene ancora adesso. Certo, sembro lo yeti… ma chi può dirlo, metti che torna la glaciazione io sono attrezzata.

E tengo lì.

Tanto ho un armadio a 9 ante. Pieno. Poi compro un collant nuovo e non so dove metterlo. Perché come apro un’anta mi rovina addosso lo scatolone della roba da sci seguito a ruota dall’esercito di scatole ordinett (da me diligentemente contrassegnate una per una con la scritta ‘varie’ oppure ‘roba mista’) che contengono svariate minigonne di raso lucido in cui inserisco agevolmente una coscia, dolcevita pallinati con motivi jacquard di cervi e fiocchi di neve, gonnelloni da zingara che mi arrivano fin sotto i talloni, e altre amenità fèscion la cui alienazione mi è impossibile. E fin qua…

 

Ma perché tengo lì anche il soffione della doccia che ho sostituito con un elegante getto da 35 cm di diametro in acciaio cromato??  che poi però siccome a casa mia non c’è abbastanza pressione vien giù una doccia che sembra che stia piovigginando e l’unico risultato è che mi increspano i capelli ma restano sporchi…

E perché tengo lì un vasetto di crema per pelli mature alla calendula che ho comprato per sbaglio e che puzza di cane bagnato? ho provato a mettermela, ma mi do fastidio da sola …

E perché tengo lì una dozzina di borsette che mi vergogno a buttare nel bidone perché temo che i netturbini ne ridano sbeffeggiandomi?

E perché tengo lì lampade, cornici, uno specchio rotto in un angolo (ma ovviamente inutilizzabile), reti di materasso, e altra oggettistica da robivecchi, ad ingombrarmi la cantina?

Eh? Perchè?

C’è da non dormirci la notte…

10 thoughts on “Raccolta differenziata

  1. beh guarda…anche io sono come te: non butto via nulla perch sai, magari "può tornar utile"…a chi non si sa….
    e in questo ho preso da mio padre: cantina e soffitta stipate di roba ed elettrodomestici non più funzionanti perchè "magari hai bisogno di toglierci qualcosa, che ne so, un pezzo di ricambio" peccato che all'occorrenza nessuno si ricordi dell'esistenza di tale oggetto e stanno lì per generazioni…
    per i vestiti invece no, in quello ho preso da mia madre: ad ogni cambio di stagione si riempiono sacchi senza pietà , via tutto, sia che non vada più bene , sia che non vada più di moda, sai quanto spazio guadagni per nuovo shopping?
    dai, non aver paura, VIA TUTTO!!! Non torneranno mai di moda quei vestiti uguali uguali!!! cambierà sempre qualche taglio ….

    Scarlett

  2. la 'povna pensa che il tuo e il tuo armadio si dovrebbero parlare… troverebbero molti punti in comune, forse deciderebbero di andare insieme in vacanza e si risolverebbe, almeno parzialmente, il problema raccolta differenziata…

  3. Idem per me, ho buttato via il tailleur della mia laurea solo 1 anno fa … e dire che in 10 anni lo avevo messo solo quella volta lì (figuriamoci se io vado in giro in tailleur … tzè)!!
    Ogni volta che apro l'armadio mi investe una slavina pericolosissima!
    Per non parlare di quelle volte che per puro caso, scartabellando alla ricerca del Graal, mi ritrovo in mano delle amenità di cui ignoravo l'esistenza. E bada bene: non è che le avevo dimenticate, le IGNORAVO proprio!!!
    Argh!

  4. mi sa che anche tu come mia sorella sei affetta da sindrome del robivecchi!
    Io getto sempre tutto, ma solo perchè non ho un armadio a 9 ante
    Sei in gamba, ciao

    roberta

  5. Io conservando mi son trovata a 27 anni a rientrare nei jenas di quando ne avevo 15, e la cosa dà soddisfazione ;) Però ho fatto 3 traslochi in  5 anni, il che ha fatto sì che buttassi via un buon 50% della mia roba. La vera mostruosità è la cantina di mia madre: quando hai una casa enorme, e più di 200 mq di cantina, la tendenza a conservare si fa preoccupante…

  6. madò, che ridere X°D

    allora

    sui vestiti ti do ragione

    mannaggia la pupazza non riesco a buttarli via, non ce la faccio proprio.
    quando vivevo con i miei, a ogni cambio di stagione selezionavo quelle 3, massimo 4 cose che si, effettivamente, magari era da 5 anni che non mettevo e le davo a mia madre. a lei l'arduo compito di disfarsene. io non ci riuscivo.
    è un po' come dire a una persona che mangia carne di ammazzarsi l'animale da sé. penso che la maggior parte non ce la farebbe.

    ora, con Consorte, sono tre anni TRE che non riesco a buttare via mezzo vestito.
    ma continuo a comprarne eh. ah si eh.
    non c'è un riciclo nel mio armadio, solo aggiunte.
    ma la situazione sta diventando rapidamente critica, sta diventanto una fukushima del vestiario.
    con me che mi ostino a tenere ancora quel jeans che mettevo a 16 anni, quando portavo la taglia 38, che adesso (taglia 40/42) faccio molta fatica a infilare e sicuramente non riesco a chiudere, neanche in apnea. però lo tengo. lo tengo e basta, si sa mai che dovessi tornare a pesare quei 40 kg scarsi (quindi dovrei perdere 10 kg… seeee… e magari anche 12 anni… che ne sappiamo, prima o poi li inventeranno i viaggi nel tempo)

    invece per tutte le altre cose, mi scatta la molla opposta: DEVO buttare tutto, e subito.
    salvo poi accorgermi che magari ho anche buttato una roba che mi serviva.
    ho perso vagonate di cose buttandole. sigh.

    in bocca al lupo!!!!!!!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *