O gggggiovine…

… che dimostri tra i 18 e i 22 anni, e che ti trovi seduto alla mia destra a teatro, ad assistere ad uno spettacolo bello, ma bello-bello, emozionante e coinvolgente, che erano anni che non ne vedevo uno così!

O ggggiovine…che dovresti abbandonarti entusiasta a questa atmosfera magica, a questa musica meravigliosa, a queste parole che fanno sognare e portano lontano, alle risate, alla malinconia che a volte ti afferra per la gola…O gggiovine, che se io avessi la tua età sarei qui con la bocca spalancata come gli occhi, il cuore che sfarfalleggia e il cervello che turbina (e tutte queste cose ce le ho lo stesso, anche se sono assai più anziana di te! e forse pure della tua mamma…)

O gggiovine: ma si può sapere chi cacchio stai messaggiando con quel maledetto smart phone che c’ha un display da 48 pollici e una luminosità pari se non superiore a quella del radiofaro della Stazione Spaziale di Alderan in Guerre Stellari ?? ma lo sai che quel bagliore lì un po’ mi disturba ? Per non parlare di quanto mi disturba la tua testa china sul maledetto aggeggio, che avrei una voglia ma una voglia di tirarti uno scappellotto sulla nuca che neanche ti immagini ?

Ma cosa c’avrai mai di così urgente da dire che non possa aspettare la fine dello spettacolo, cosa che avverrà presumibilmente tra una cinquantina di minuti ? eh?? Si può sapere ??  Stai dando l’addio al nonno in rianimazione ? Stai partecipando ad un asta on line per i fregi del partenone che scade fra 59 secondi ? Stai lasciando la fidanzata, t’è venuta una bella frase d’addio e non vuoi perdere l’ispirazione ? eh ? Si può sapere ???

.. e si può sapere sì, mi metti il megaschermo sotto il naso!

.. la zia kui di fianco mi sta lggnd il sms..’

6 thoughts on “O gggggiovine…

  1. I giapponesi hanno inventato una vernice anti-telefonino, che togliue campo.

    Dovrebbero rendere obbligatorio una doppia mano di vernice per teatri e cinema, come le dotazioni antincendio.

    Che l’alternativa sarebbe un cecchino che spara ad ogni lampo di luce (la sai la storia di non accendere la sigaretta in tre?). Ma le fucilate in mezzo allo spettacolo sarebbero fastidiose, temo.

  2. be’ consolati almeno non ha scritto ”la nonna qui a fianco…..”.
    comunque io sarei per un meccanismo inserito sotto le poltrone dei teatri che al momento dell’accensione del cellulare ne inghiottisca il proprietario.

  3. Anch’io qualche giorno fa sono stata chiamata “Zia” da uno di questi gggiovini mentre ero al lavoro…me lo sono mangiato vivo a tal punto che mi ha chiesto scusa e voleva anche offrirmi un caffè :)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *