Nefandezze perpetrate ai danni dell’Infanta

–      Cena con amici. L’Infanta degusta i pizzoccheri davanti alla tv (e già così basterebbe). Improvvisamente, distratta dal tubo catodico, il piatto rovina a terra, faccia in giù, e i pizzoccheri si spargono copiosi sul pavimento. Io, imperterrita, capovolgo il manufatto di maiolica, (fortunosamente integro) sul monticello di scoria pastifera, e con il tramite di una paletta, rivolto il tutto all’interno della stoviglia. Poscia, lo ripropongo all’Infanta che, come se niente fosse, prosegue il pasto. 
        
Testimoni oculari: il mio amico L. presente alla scena (che voleva dividere i suoi, di pizzoccheri, con la povera creatura… ‘mavà, mangia e taci’)
 
–      Gita scolastica 1.  21 marzo del 2006. ‘E’ Primavera!’ annuncio giuliva! E bardo l’Infanta con t-shirt a maniche corte, cappellino a tesa per il sole, scarpe ginniche di tela leggera e zainetto poohinesco con merenda. La consegno al pullmann e la saluto lieta con la mano. ‘Buon viaggio, Infanta!’ Peccato il termometro segni 7 gradi, il barometro ‘bufera’ e stia venendo giù un’acqua che dio la manda! ‘Ma un parapioggia??’ implora la Piccola Fiammiferaia… ‘GIAMMAI! – ruggisco perentoria – E’ Primavera, non necessita, son quattro gocce! E guai a te se mangi al coperto! Vedi di consumare il tuo pasto su un prato fiorito!!’
 
Testimoni oculari: la mia amica E., che ancora adesso ogni tanto racconta la storia lacrimando come se avesse la congiuntivite allergica
 
–      Gita scolastica2: (non quella di prima…un’altra) il pullmann rientra  alla base con mezz’ora di anticipo sull’orario previsto. Io arrivo a prelevare l’Infanta con mezz’ora di ritardo sull’orario previsto (‘.. tanto fanno sempre tardi.. un Negroni, grazie!) Al mio arrivo, davanti alla scuola elementare: l’Infanta, le 4 maestre e la bambina rom…
 
Testimoni oculari: le 4 maestre, la bambina rom, il Re degli Zingari
 
 
Ma come mai, secondo voi, nonostante io sia evidentemente una madre degenere e sciagurata – avrei altri esempi, ma quelli sopra mi sembrano sufficientemente significativi – io e l’Infanta andiamo d’amore e d’accordo, e lei è una giovinetta brava, educata, gentile e dabbene come neanche se ne trovano nel libro Cuore?
 
Aveva ragione Ferradini. ‘prendi un’Infanta, trattala male, lascia che ti aspetti per ore…’

 

16 thoughts on “Nefandezze perpetrate ai danni dell’Infanta

  1.  :-D 

    ne conosco un’altra così…

    io gioco un altro ruolo: a fronte delle "nefandezze" mi intrometto (pietanze ri-cucinate anzichè ri-messe sul piatto…golfini gettati sul pullman all’ultimo momento , arrivi a gomme stridenti per rimediare ritardi "da Negroni"….tutto vero…)….

    E sai qual è il risultato? Che la mia "Meraviglia" vuol bene a tutti e due, perchè ha capito che tutti e due (a modo nostro) le vogliamo bene. Tanto più oggi, ciascuno indipendentemente dall’altro…

    E Ferradini, per cortesia…lo lascerei nel freezer… ;-))))

  2. Confermo : istinto di sopravvivenza! la povera Infanta come detto in altre occasioni,  è la vera capofamiglia della sua famiglia, responsabile, adulta e matura.
    Tutto lascia pensare che Barbie avrà un bastone per la sua vecchiaia, a meno che non schiatti prima ( Barbie dico!) o che il bastone non le venga calato sulla testa quando l’Infanta ne avrà veramente abbastanza.
    E poi, pensate che blog pubblicherà l’Infanta,  parlando di mamma Barbie, aaaaaaaaaaltroooo che quelli di Barbie sulla sorella!!

    Devo istruire l’Infanta, che cominciasse gia adesso!

  3. Perchè di Infanta così CE NE E’ UNA SOLA ed è toccata a te…va là che hai avuto  culo! Se così non fosse altro che "madre degenere" avresti dovuto a malincuore rinuciare a chissà quante cose e, probabilmente, invece che dedicarti con simpatia ad attività piacevoli e creative (tipo a questo stupendo blog o il teatro d’improvvisazione) saresti là triste e malinconica.
    Ciao e continuate a volervi bene che siete stupende.
    Un saluto affettuoso

  4. D ora in poi ogni volta che vedo l’Infanta, avro’ rispetto e soggezione per cotanta Magnitudine!   é la nipote che tutte le zie vorrebbero.

    E’ un piacere per me augurarle buon divertimento quando la scarico all’incrocio sulla Paiola le (purtroppo) pche volte che l’accompagno a scuola la mattina. Lei mi guarda,  mi sorride con la faccina che dice < oh! ‘na robaaaaaa> mi saluta e salta giu!

  5. Ma il giudice che l’ha affidata a te, queste cose, le sa? ;)
    Del resto anche Chicca mia, così spesso "abbandonata" dalla madre e tiranneggiata ad urla dal padre, sembra stia crescendo su saggia e gentile…
    Leela

  6. probabilmente sta aspettando di diventare un’adolescente in regola o è brava quando ci sei, ma appena monti su un aereo…

    io ero così col babbo pilota!
    ma non ti allarmare… mica tutti son bravi a nascondere una doppia vita/persoalità! ;)

  7.  mai sentito parlare della sindrome di stoccolma?
    anche i miei sono così, è che sanno che non hanno speranze.
    forse che quando uno è in galera batte i pugni sulle sbarre gridando "voglio uscire" per tuta la durata della pena?

    comunque quella della pasta l’ho fatta anche io, con una coppia di amici ospiti!
    avevamo raccolto i funghi in montagna, avevo fatto la pasta e bevuto un paio di rossi di troppo. mentre avanzavo barcollando verso la tavola, sono inciampata nel cane grasso, lanciando funghi e fusilli per tutta la cucina.
    cercando di essere più veloce del suddetto cane, ho raccolto tutto e ho sentenziato: "tanto ho lavato oggi il pavimento" (cosa peraltro falsa) e gliel’ho servita come se niente fosse.
    forse è vero che siamo gemelle separate alla nascita…

     a questo proposito ti consiglio un libro che parla di una degenere peggio di noi che sto leggendo e che fa morire dal ridere: "L’orribile karma della formica" di David Safier edizione Sperling e Kupfer.
    bacio,
    Clear Cross

    Le mirabolanti avventure di Clear Cross


  8. Forse é per questo che la Leonessa di casa é così indipendente, così volitiva, che sa quello che più le interessa e le fa bene.
    Si ricorda sempre di telefonare all’Assistente Sociale, per noi due.
    Sì ci vuole bene. 
    E senza di lei la settimana diventa lunghissima . Snifff! 

  9. Pingback: Bilancio 2014: analisi di un fallimento | Donne che viaggiano per il mondo

  10. Pingback: Una ragazza in gamba | Donne che viaggiano per il mondo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *