La vacanza misteriosa

Barbie è tornata dalle vacanze!!  Ella ha trascorso, in compagnia di un Ufficiale più meraviglioso del solito, una decina di anni straordinari in un luogo remoto e bello, così lontano che per andarci serve la macchina del tempo, dove un giorno dura un semestre, e dove la testa non pensa a nulla se non a quello che vede intorno. E quello che si vede intorno tende all'infinito, tanto che ora è necessario riabituare gli occhi alla vista ordinaria…

Caso mai decideste di andarci anche voi vi dico che:

– in questo luogo misterioso si atterra, ovviamente, nella capitale, la citta di 'X'. Non rimaneteci. Almeno di giorno. 'X' è la città più brutta del pianeta, con tutta probabilità. Non restateci in orari diurni: di sera – notte invece tutto il tempo che volete. Perchè di notte si anima incredibilmente, la piazza principale si riempie di gente e di ragazzi, l'aria si satura di sinfonie locali, e dalla  fontana parte un son et lumière molto bello! Stateci più che potete, di notte, semprechè riusciate a trovare un tavolo in quel locale carinisssssssssimo con i divani in rattan e delle coppe di gelato apparentemente buonissime (noi ci abbiamo provato, a trovare il tavolo.. niente da fare, eran tutti prenotati)

– non ordinate dessert che prevedano whipped cream. In realtà è cemento.

– non seguite i suggerimenti della Lonely Planet: vi manda in ristoranti pieni zeppi di turisti con in mano la Lonely Planet. Andate a caso, è meglio. Fidatevi del vostro intuito, del vostro olfatto e del caso fortuito, il che vi permetterà di scovare ristoranti deliziosi dove cenano alcuni indigeni, e dove mangerete benissimo senza Lonely Planet in giro sui tavoli (che non si legge mentre si mangia, non ve lo ha detto la mamma??)  
Oppure mandatemi un messaggio in privato, e ve lo dico io, dove andare. Sempre che indoviniate dove si è svolta la vacanza misteriosa, beninteso.

– non affidatevi ad agenzie locali di noleggio auto low cost. Se la Herz e la Avis sono leader mondiali ci sarà un perchè. Evitate soprattutto quelle che esibiscono nomi tipo 'Brand new rental car agency – special turist summer offer', e scrivanie vuote dove troneggiano PC con la schermata fissa su Facebook o sul solitario. A meno che non siate dei patiti di auto col parabrezza tenuto insieme col nastro adesivo….

Ecco, vediamo se indovinate, adesso che vi ho messo sulla strada buona… e pensate che non vi ho neanche parlato delle aquile, dei pastori che cavalcano a pelo, dei caravanserragli, delle auto scassate cariche di angurie fino al tetto che occupano tutto lo spazio disponibile come si intuisce dal lunotto posteriore, del rientro delle mandrie che attraversano impunite la strada bloccandovi finchè le capre non son tutte a nanna nelle stalle, e dei tanti monasteri, uno più bello dell'altro,  illuminati solo da piccole candele di cera gialla, dove l'unica cosa che puoi pensare è che se è vero che Dio è dappertutto in certi posti ce n'è un po' di più…

 

8 thoughts on “La vacanza misteriosa

  1. turchia? ricordo che la lonley sulla turchia faceva veramente schifo, alla fine noi andammo a naso… e ankara di giorno fa schifo.

  2. Ops, scusa allora!
    Noravank è anche il mio monastero preferito in Armenia, ma a dir la verità amo visceralmente la Georgia, che consiglio caldamente a tutti.
    Immagino abbiate apprezzato l'Ararat (il cognac, non la montagna che non si vede -quasi- mai!)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *