La terribile vicenda di Emma

Io sostengo da una vita la teoria, che mi riguarda personalmente, che dice: a me di bambini piacciono solo i miei. Quelli degli altri mi stanno cordialmente sui maroni.

 

Ho scoperto che vale anche per i cani. Ho alluso, di recente nei miei post, all’eventuale ingresso in famiglia di elemento peloso coda-dotato, con orecchie a punta, naso umido e faccia da scemo.

L’elemento è arrivato domenica: è una deliziosa canina color nocciola che l’Infanta (che agogna l’animale da anni e anni) ha subitamente battezzato Emma.

Ovvio che lei, l’Infanta, fosse superfelice! Meno ovvio che, per me, sia stato amore a prima vista: io normalmente ringhio ai mastini che scappano terrorizzati e prendo a calci i cani di piccola taglia per il gusto di vederli volare lontano e poi sghignazzo scompostamente vantandomi con i miei amici teppisti; io mi tappo il naso disgustata quando incrocio un cane al guinzaglio sotto la pioggia (anche se sono chiusa in macchina), io detesto bave e lingue e raccogli-cacche, e crocchette maleodoranti…

 

Ebbene IO:

      Ho acquistato un divanetto morbido morbido solo per lei, per farla sedere vicino a noi la sera prima di dormire

      Ho surgelato monoporzioni di riso bollito e carne trita con l’etichetta ‘cane’ per cibarla quando fosse cresciuta

      Ho accompagnato l’Infanta al negozio per animali, e abbiamo litigato per il colore del guinzaglio – collare (delizioso twin set azzurro coi cuoricini rosa…)

      Ho passato la domenica pomeriggio a montare un paravento di plexiglass lato cuccia per proteggere l’Angolo del Cane da pioggia di traverso e vento impetuoso (anche se c’erano 23 gradi e un sole splendente)

 

… devo proseguire?

 

Ecco. Adesso, dopo sole 48 ore di permanenza, scopriamo che l’Infanta è allergica al pelo del cane. In realtà lo si sapeva già 4 anni fa, quando l’allergologo ci consegnò i risultati delle analisi (allergia a: pelo di gatto, pelo di cane, pelo di cavallo, parietaria), risultati prontamente archiviati nel dimenticatoio.

E’ che a volte è tanto il desiderio di rendere felice qualcuno che anche l’Inconscio, forse, ci si mette.

Oppure più semplicemente sono una testa di cazzo. Più probabile la seconda che ho detto.

Quindi Emma torna al canile. L’Infanta piange ininterrottamente da ieri sera. Io pure. Ha pianto perfino la Sorella di Barbie, passata ieri sera dalla nostra valle di lacrime. Credo fosse la seconda o massimo terza volta della sua vita.

 La terribile vicenda di Emma

La terribile vicenda di EmmaCi mancherai Emma….

14 thoughts on “La terribile vicenda di Emma

  1. Purtroppo questa è una storia tristissima.
    Barbie ha agito con superficialità, lei lo sa e ha un fortissimo rimorso.

    Io sono disperata per Alice e per Emma in egual misura, e sto piangendo ancora.

    Coraggio tutto passa!,  proponi ad Alice il gatto Sfinx oppure un bel pitone reticolato!

  2. Emma, dalle fotografie, mi pare una cucciola bellissima e dolcissima. 
    La mia tristezza, letta questa dolorosa storia é massima. 

    Il Liga, gatto rock e interista, che sopporta la nostra presenza in casa nostra é empaticamente e compassionevolmente vicino all’Infanta, in questo momento nel quale le parole non servono a lenire il dispiacere di dover abbandonare un’amica sicuramente sincera ed indubbiamente fedele con una gratuità dei sentimenti, assoluta.

  3. Te.
    Sei semplicemente un mito.
    Testa di cazzo no, non direi. Assolutamente no.
    Sei un mito.
    Anche se é una frase un pò alla FabioVolo.
    C’hai provato, ecco.Ed Emma se ne farà una ragione, credo.

    Mimì

  4. Clara è un mito, si sa.  Ma in questa occasione ha fatto un errore grosso, quindi la questione non è "Emma se ne farà una ragione". Gli animali non se ne fanno una ragione. Quando gli viene fatto del male non si spiegano il motivo, soffrono e basta. 
    Io sono dispiaciutissima per quello che è successo, perchè ho davvero visto tanta voglia di ospitarla e di darle una famiglia che le volesse bene, so che Alice sarebbe diventata la sua migliore amica e avrebbero instaurato un rapporto che non esiste con un essere umano. Ancora prima di conoscerla (Emma) le avevano comprato tutti gli accessori, la cuccia, il cibo, i giochi, il paravento. E questa determinazione personalmente l’ho apprezzata tanto. Le volevano già bene.
    Emma è salva perchè probabilmente non ha fatto in tempo ad affezionarsi, ma Alice si. Alice se ne farà una ragione.

    Figlia della sorella di Barbie.

  5. x Clear Cross:
    il Canile è molto ben organizzato, e l’ho riportata ieri pomeriggio.
    Però mi hanno velatamente trattato come un genitore sconsiderato che pur di far felice sua figlia non esita a prendere un animale in casa per poi restituirlo dopo due giorni ‘.. tanto sua figlia poi avrà la felpa nuova, o qualcosa che la distrarrà..’
    Mi hanno assicurato che la cagnolina (hanno ignorato del tutto il fatto che per noi è Emma, non ‘la cagnolina’…)  sarà piazzata in un nanosecondo, stante che è bella, piccola e simpatica
    Inoltre, si sono RIFIUTATI di darla ai genitori dell’Ufficiale, che abitano a qualche centinaio di chilometri da qui. ‘poi non possiamo fare i contolli’ hanno detto…
    Io avevo un livello energetico bassissimo, ed ho battagliato meno di quello che avrei fatto in condizioni normali.
    Ma a ripensarci oggi, un po’ più lucida, mi sento assai scocciata….

  6. Cara Barbie,

    CHIUNQUE dopo una storia cosi sarebbe prevenuto nell’affidarti  anche un solo pelouche!
    A te e a chiunque tu possa suggerire.

  7. Ti leggo oggi per la prima volta… e che tristezza…
    Posso immaginare tua figlia… però, magari, se è piccola, l’allergia potrebbe anche passarle fra qualche anno… e poi… chissà!!!
    Comunque ti capisco… anche i più duri, di fronte al proprio cucciolo capitolano… quando ho adottato la mia micia tutto avrei creduto tranne che mia madre ci si affezionasse in modo viscerale e mio padre le parlasse come a una bambina e avesse per lei attenzioni tali che moglie e figli in 30 anni non hanno mai sospettato facessero parte del suo patrimonio genetico
    Ti salvo tra i preferiti e ti leggo con calma dall’inizio…
    Un sorriso
    Ale

  8. Gli errori più difficili da smaltire sono quelli che coinvolgono più persone o creature. Ma sbagliamo tutti. Ora leccati le ferite e impara. Che altro puoi fare?

  9. Chicca è allergica a saponi, lanolina, pelo di animali: uno dei tanti motivi per cui a casa mia non c’è il cane. Il criceto di Campbell, però – che di pelo ne ha gran poco – lo tollerava benissimo e non richiedeva manco tante cure, in compenso col tempo era diventato pure molto affettuoso: peccato solo viva poco…
    Leela

  10. Distratta…..
    Io ho un coniglio a casa, imposto dalla coppia di figli sei o sette anni fa. Ho resistito fieramente a cani, gatti, criceti, uccelli.
    Gli unici altri animali che hanno fatto un ingresso precario nella mia casa sono pesci.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *