Il tè nel deserto

Devo andare in Libia. Per lavoro, s’intende. Non certo al Club Mediterranée di Bengasi. Bensì ad una fiera, dove dovrei peraltro esporre davanti al gotha del mondo gas-petrolifero del nord africa e del medio oriente una lecture, addirittura. Con un titolo pomposissimo. Nonostante io sia FEMMINA !

Problemi banali che normalmente mi assillerebbero in questo frangente (che tacchi vanno bene nel deserto?  Che fattore di idratazione occorre quando hai la sabbia del sahara che ti arriva in faccia h 24? Il cammello è o non è un animale domestico? Ci sono spiagge nel golfo della Sirte? I baffi li tengo o li strappo?) slittano in secondo (ma anche terzo-quarto) piano. Perché  dopo aver visto domenica sera su Rai 3 Presa Diretta – Respinti  (  www.presadiretta.rai.it/category/0,1067207,1067208-1086278,00.html ) non ho più tanta voglia di andarci. Non ce l’avevo granché neanche prima, ma adesso proprio non ho più voglia di fare affari con quel paese lì.  A parte che ho anche un po’ paura: e se mi mettono in carcere anche a me e non esco più?  

C’è la wireless nelle prigioni libiche? Secondo me no. Pare non ci siano neanche le finestre. E non sto parlando di Windows.

 

9 thoughts on “Il tè nel deserto

  1. Non capisco dove sia il problema! Come tutti i paesi arabi è civilissimo, specialmente nei confronti delle donne.

    Metti un hijab e parti tranquilla.

    Pero’ fai testamento prima di partire. Mi raccomando: dai disposizioni precise ai tuoi cari, anche in merito alla mancata riconsegna della salma. Qualcuno deve andare a reclamarla? ci sara’ da picchiarsi su chi sara’ il prescelto.

    Hai delegato qualcuno a firmare in banca?

    Che avvocato bisognerà  chiamare? lascia detto alla Farnesina dove vai, con chi, insomma tutti i dettagli, c’è un sito apposito alla bisogna.

    A chi lasci i tuoi vestiti?

    C’è qualcuno che vorresti avvisare di questo tuo prox viaggio, in modo che se non ti vede nè ti sente piu’ già  sa cosa puಠessere accaduto?

    Insomma lascia detto tutto!

  2. Dopo attento studio dei post, sentito il parere favorevole dell’Ufficio Facce, con i voti de “Al Pisellon Fuggiasco” e de “Alla Bella Bignola” possiamo senza ombra di dubbio dichiarare questo blog:

    Qualora fosse interessata ad averne gli opportuni codici, onde adornarsene le stanze, puo fare in ogni momento richiesta, la quale sarà  immediatamente evasa.

    Con estrema simpatia :-))

    Un uomo a NordOvest di se stresso!

  3. Grazie a te, io che piangevo per la perdita di Report, ho scoperto “presa diretta”!! :-)

    Anonimo, magari mi sbaglio, ma credo ti sia sfuggito un po’ il senso del post… se vai a vedere il link, noterai che siamo noi bravi italiani a dare una mano alla vergognosa dittatura libica ed a rispedire persone richiedenti il diritto di asilo tra le grinfie di torturatori, stupratori e strozzini.

    P.s. Buon Viaggio!

    Alice auguratrice

  4. Occhio che magari Ghedda-Orfei sta ancora incavolato con Obama che non gli ha fatto piantare la tenda all’ONU e te la fa scontare a te ;)

    La Libia mi manca, in compenso mi è bastata ed avanzata la Tunisia, e pure certe zone rurali della Turchia non scherzano… Aurguri, e che il santo protettore della corrosione (ne avete uno?) sia con te…

    Leela

  5. HAi detto bene cara: NONSTANTE TU SIA FEMMINA, nonostante.

    Ne vedremo delle belle il Libia, mi sa.

    Certo le carceri senza finestre, perಅ

    P.S:a parte i giri di parole:fai attenzione e tieni alta la bandiera! !

    Mimì-che-fa-sempre-i-soliti-60Km-al-giorno-30-ad-andare-e-30-a-tornare :-/

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *