Dilemmi esistenziali

E’ il compleanno dell’Ufficiale. Io sono in ansia. Da un po’! Anche se in realtà rimanderemo di qualche giorno il festeggiamento a causa dei soliti impedimenti (impegni contingenti e contemporanei… e sì che io non avevo neanche la bandiera del giappone!), il che mi fa guadagnare tempo.

Ho l’ansia intanto perchè il compleanno dell’Ufficiale cade troooooppo vicino al Natale!! Era ieri, Natale, e già avevo dovuto spremermi le meningi mica male per trovare un dono degno della circostanza (lo schiacciapatate, come tutti ricorderete…) e sono già qui un’altra volta ad arrovellarmi il cervello.  Cosa cosa cosa regalargli??

Ecco le ipotesi (tutte peraltro scartate):

 

Profumo: questo ha a che fare con la mia insanissima passione per Eau Sauvage di Christian Dior. Passione che sovente mi fa rischiare di perdere l’aereo stante che tutte le volte che transito in un’aerostazione mi infratto per 20-25 minuti a sniffarlo al duty free dal bottiglione gigante da un litro, con gli occhi girati indietro che si vede solo il bianco. Se potessi me lo berrei per rigustarmelo quando mi si ripropone. Mi faccio un paio di piste e poi via all’imbarco, con l’aria spiritata.

MA … e se poi non gli piace? e se poi non si accorda al suo aroma da tipico maschio mediterraneo? E se poi glielo regalo e poi ogni volta che passo dal suo bagno lo vedo lì intonso sulla mensola? (senza neanche poterlo sniffare un pochettino.. )

Ma soprattutto: esiste un regalo meno pensato del profumo / dopobarba?? (anche se il trafiletto di cui sopra dimostra il contrario) Veramente si, esiste. E’ la giacca da camera di panno blu con cordone lucido e ciabatte coordinate Defonseca. 

Comunque no, il profumo NO.

 

Qualsiasi roba tecnologica: impossibile. L’Ufficiale si compra da sé, con esasperante anticipo, ciò che più gli aggrada, scegliendo l’ultimo modello in commercio, il più figo ed il più tecnologico che esista. Roba che io non so neanche trovare il pulsante on / off. Roba che a volte non è ancora neanche stata inventata, ma esiste solo a livello di progetto sperimentale nel cervello di qualche nerd. Per non parlar dei costi e dei dazi doganali (nel 90% dei caso l’oggetto del desiderio è a hong kong o nella silicon valley e bisogna importarlo nel container via nave).  Va da sè che qualsiasi scelta sarebbe del tutto inadeguata, per tacer del fatto che qualsiasi commesso tronysta al mio incipit ‘mi consigli lei.. sa, è per il mio fidanzato (con gli occhi a cuore)’  potrebbe  buggerarmi in un fiat e rifilarmi una patacca senza valore spacciandola per un microchip ultimo modello, fosse anche un tostapane. E io ci cascherei come un’allocca… E dunque la tecnologia NO.

 

Qualsiasi roba sportiva: idem come sopra. Intanto che io corro 3-4 minuti con delle superga vintage originali anni ’80 lui sfreccia più veloce di Carl Lewis indossando  calzature da iron men e magliette ergonomiche che costano quanto un rolex (ma sono meno precise). A quel punto lì tanto varrebbe regalargli davvero un Rolex (tarocco però.. ) insomma, avete capito … NO.

Io, dopo aver parlato con un amico che a Natale ha regalato un seno nuovo alla fidanzata (uno nel senso del kit, del paio…non una tetta sola, per intenderci) avevo pensato anch’io ad un intervento plastico: c’è da premettere che l’unico difettuccio dell’Ufficiale è che di notte russa. Russa a tal punto che io, con i tappi nelle orecchie, non riesco a dormire perchè sento la vibrazione nel materasso: è un suono primordiale tipo didjeridoo che secondo me viene percepito anche dai sismografi all’Aquila. Certo, è un dettaglio trascurabile, che di solito non è palese perchè annegato nell’oceano delle sue virtù. Non però alle tre di notte.  Ecco che una bella rinoplastica (interna) sarebbe un dono originale, pensato e certamente gradito. Soprattutto da me!

Vabè, si scherza, via! NO, la rinoplastica no! (purtroppo)

Abiti? pigiami? biancheria? gioielli? libri? dischi? un bel cesto di prodotti gastronomici? vini pregiati? un centrotavola?  un cellulare? uno svuotatasche? … c’è da non dormirci la notte!!

AIUTOOOOOOOOOOOO!!

p.s. caso mai passassi per di qua: Buon Compleanno, Ufficiale!

… volevo regalarti il mio cuore.. ma ce l’hai già!!

18 thoughts on “Dilemmi esistenziali

  1.  a me che sono una malata tecnologica e indefessa ciclista, hanno regalato a natale i paraorecchie che fanno anche da cuffie dell’ipod. così potrà correre con le orecchie calde e la musica a pala senza perdere ogni secondo gli odiosi auricolari.

  2. … tsè, hai voluto un Ufficiale sopra le righe? tiè beccati pure il  mal di testa di cosa regalargli………..
    Devi fare qualcosa di talmente cattivo gusto e kitsch che deve morire dal ridere………..
    Occhiali per vedere le donne nude??  il busto di Tutankamon? insomma una cagata, tanto perche capisca che hai grattato la pentola!

    e poi quello vero di regalo, e li pensaci tu!

    Apropositodi pentole….. prendigli una pentola per cucinare cibi straesotici, dicui pure lui potrebbe ignorare l esistenza.

  3. Carissima, come rappresentante dell’altra parte del cielo, mi vien d’obbligo tentare con Lei una disamina dei possibili regali da fare nell’occasione di un genetliaco.
    Trovo difficile la Sua posizione. Un uomo, anzi un Gentiluomo, che ha di tutto ed é dotato di tutto, anche di una presenza notturna non invidiabile.
    Non per questo io non mi associo a tanta potenza; purtroppo anchi’io affliggo Artemisia, la mia con il basso continuo di cui mi doto ogni notte, quindi comprendo Lei e sono solidale con Lui.
    Un busto faraonico? Mhmmm, il re in questione morì giovane e ha una nomea poco invidiabile.
    Piuttosto una riproduzione bronzea del monumento equestre del Colleoni. Ufficiale dotato in tutti i sensi e ciò a tittillare l’autostima.
    KG 5 di Nutella? Spero nella serietà della lavanderia in cui si serve.
    Oltre allo schiaccai patate, potrebbe arricchirlo di un bollitore per il latte.
    Subliminare messaggio per future puree, perchè no, galeotte.
    (Ciò detto perchè ne fui omaggiato a suo tempo )
    Per ultimo, ma sempre gradito ed intrigante un biglietto, su cui esprimere con amorose parole i Suoi sentimenti.
    Avvalorerebbero l’ottima scelta da Lui effettuata, accrescendo la di Lui stima nei Suoi confronti.
    Donna dell’essere più che dell’avere.
    La saluto caramente, omaggi naturalmente l’Infanta ed ossequi il Gentiluomo.

  4. libri, libri, libri!!!!!!!!!!
    lui leggerà fino a tardi, la notte, dandoti il tempo di addormentarti e non avvertire l’odiato russare

  5. il problema del russamento è una buona scusa per regalargli lo strumento per la polisonnografia, analisi che serve ad accertare apnee notturne, causa di ictus, soffocamento, collassi, ecc.ecc.
    Oppure una visita presso noto Otorinolaringoiatra , specializzato in Roncopatia, ovviamente intramoenia, o meglio in regime di evidente evasione fiscale.

    I miei complimenti a Capehorn, per la sagacia e il lessico raffinato.

  6. mah… vista la difficoltà andrei decisamente su
    qualcosa della Piccol (gialappa’s)
    o della dmail, che gli si avvicina ed esiste veramente …

    che so qualcosa tipo ciabatte con luce incorporata che si accende da sola,
    trim con lente di ingrandimento incorporata,
    sasso finto per nascondere le chiavi….

    la lista è lunga :-)

  7. "Sole alto nel cielo, Vento, Sorrisi e Risate.
    Tende colorate, Sentieri nascosti e Nuvole di fumo…
    Canzoni nell’aria giovane della notte, Idromele speziato e una Bancarella incantata…
    Stoffe antiche, Foggie scomparse, vecchi Cappelli, Bastoni nodosi e una Coperta colorata…
    Labirinto di pietre, un Altare per la Dea e un Albero magico carico di desideri…
    Sogni in una fredda sera di primavera…
    Amori e Rumori…Suoni e Colori…Scherzi e Sospiri…
    Danze sacre e Fuochi dirompenti.
    Inni nel silenzio delle stelle…
    Parole nel profondo del cuore…

    Quando senti la natura ridere attorno a te…
    Quando un sorriso di dona polvere fatata…
    Quando l’amicizia ti sfiora il cuore…
    Quando chiudi gli occhi e sogni di volare…
    Quando due mani unite ti donano speranza…
    Quando una promessa supera ogni ostacolo…
    Quando la Dea è dentro te, viva.
    E ti sfiora, ti accarezza…
    Gioca e fa l’amore con te.
    Ti entra dentro e ti sussurra antichi misteri…
    Quando ti chiama e ti tiene per mano.
    Quando lei c’è…
    E lì che tu, tu Torni a vivere…"

     

  8. Il vento soffia impetuoso, portando con se le foglie nel cielo, facendole volteggiare in lente volute fino a terra.
    Una brezza,  che sa di magia e di zucchero filato.
    Che porta con se il rumore del mare e il canto delle fate…
    Che sussura antichi segreti tra le ombre della notte…
    Che cattura il profumo di paesi lontani e misteriosi…
    Che sa di zenzero e cannella…
    Che parla di pace e libertà…

    *LasciaTi cullare, sogna di Volare*
     

  9. Una preghiera per Voi tutti…

    Che la Dea vi benedica nella Sua forma di Fanciulla e vi doni forza ed energia…

    Che la Dea vi benedica nella Sua forma di Madre e vi doni fertilità ed abbondanza…

    Che la Dea  vi benedica nella Sua forma di Antica e vi doni saggezza e pazienza….

    Che la Dea, nella Sua triplice forma, benedica e protegga voi e tutte le persone alle quali volete bene…

     

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *